Erbe aromatiche in cucina: 5 idee su come conservarle a lungo

condividi su
spezie e erbe aromatiche

Non tutti hanno il privilegio di scendere nell’orto e prendere i sapori più adatti alla propria cucina. Ecco come fare per garantirsi sempre una scorta pronta all’uso.

Le erbe aromatiche in cucina sono un elemento davvero essenziale. Lo dice anche il proverbio: come si potrebbe stare senza prezzemolo che per antonomasia è dappertutto?

Esistono oltre 50 specie di piante aromatiche. Alcune sono perenni, altre annuali o biennali. Alcune si trovano frequentemente anche allo stato selvatico, la maggior parte sono coltivate. Ma non tutti possono godere del proprio orto sotto casa e prendere il ramoscello quando serve. Come fare dunque per avere sempre una scorta pronta all’uso? I metodi per avere le erbe aromatiche in cucina sempre a disposizione sono diversi.

FRESCHE IN VASO

basilico in vaso

Durante la bella stagione è possibile coltivare molte specie di erbe aromatiche in vaso. Le piante che amano il sole e il caldo sono basilico, origano, maggiorana, salvia, timo, rosmarino. Tuttavia è possibile coltivare piante aromatiche anche se non si è in fronte al sole tutto il giorno. Dragoncello, menta, prezzemolo ed erba cipollina possono crescere anche con esposizioni a Nord.

CONGELARE

Uno dei metodi più rapidi e semplici per garantirsi erbe aromatiche in cucina in vista del periodo invernale è la congelazione. Basilico, prezzemolo e erba cipollina conservano il proprio aroma se custodite in congelatore. Basta lavarle e asciugarle bene, tagliarle finemente e congelarle in un recipiente di plastica o di vetro.

ESSICCARE

come-essiccare-le-erbe-aromatiche

L’essiccazione è un altro metodo semplice per portare erbe aromatiche fresche a una lunga conservazione. I metodi per essiccare le piante sono diversi. Si possono essiccare al sole, in forno o anche in forno a microonde. In questo caso però ci sono alcune erbe più adatte all’essiccazione - come rosmarino, alloro, timo, salvia, maggiorana – e altre più delicate. Quando si essiccano prezzemolo, menta, aneto e basilico, si perde infatti molto dell’aroma iniziale.

SOTT’OLIO

La conservazione in olio si presta molto bene per due tipi di utilizzo. Il primo è una variante della congelazione. Erbe come origano, rosmarino, salvia e timo, possono essere congelati a cubetti – in proporzione due terzi di aroma e un terzo di olio – e usati all’occorrenza per cucinare. In alternativa è possibile aromatizzare l’olio extravergine di oliva con alcuni sapori. Aglio, zenzero, curcuma, rosmarino, timo, basilico. Tutte queste erbe aromatiche e molte altre possono rendere un olio adatto ad insaporire i nostri piatti in 2/3 settimane.

SOTTO SALE

erbe-aromatiche-sotto-sale

Procedimento simile a quello sott’olio riguarda le erbe aromatiche sotto sale. Un sale aromatizzato può dare lo sprint necessario per i nostri piatti preferiti. Per ottenerlo, i passi fondamentali sono: lavare e asciugare perfettamente le erbe – in questo caso si prestano rosmarino, basilico, erba cipollina, timo, maggiorana, alloro – sminuzzarle e unirle al sale in misura di due parti di sale e una di erbe. Basterà un pizzico di questo composto per avere un effetto immediato.